Cosa vedere a Monaco di Baviera

Cosa vedere a Monaco di Baviera

Monaco di Baviera è una delle città della Mittel Europa tra le più belle e ricche di cose da vedere e scoprire. Se avete deciso di visitarla, allora avrete davvero l’imbarazzo della scelta e, alla fine, quasi sicuramente, deciderete di tornarci perché non sarete riusciti a visitare tutto quello che avevate scelto. Dall’arte dei monumenti più famosi alla inconfondibile birra tedesca, dalla cultura molto legata alla tradizione alla possibilità di fare shopping di alto livello: il tutto condito da un’atmosfera unica e inconfondibile.

Iniziamo la visita da Marienplatz che rappresenta il vero centro nevralgico della città. È uno dei luoghi più amati dai monacensi e dati turisti: qui ci si ritrova per bere qualcosa insieme, per fare shopping o per una semplice passeggiata rilassante. Questa piazza è inserita in un’isola pedonale che comprende tutto il centro storico. In Marienplatz anticamente si svolgeva il mercato del grano e del sale: oggi, per circa un mese, tra novembre e dicembre, si tiene il Christkindlmarkt, ovvero il mercato di Gesù Bambino. Nella piazza è presente il Municipio dove si trova l’ufficio del sindaco e dell’amministrazione comunale. Si tratta di un edificio neogotico che l’imperatore Guglielmo II (in visita a Monaco nel 1906) definì il più bel Municipio di tutta la Germania. In cima alla torre che domina la facciata è inserito un grandissimo carillon che suona tre volte al giorno; alle 11, alle 12 e, in primavera ed estate, anche alle 17. Alle 21, invece, si illuminano i piccoli bovini rappresentati nel carillon e compare un angelo che benedice la figura di un monachello: secondo gli abitanti rappresenta una sorta di buonanotte a tutta la città.

Dopo Marienplatz, un’altra piazza riferimento della vita degli abitanti di Monaco è Stachus. Qui si trova una delle porte che nel 1300 delimitavano il confine della città: Karlstor. Una volta varcata si poteva accedere al primo nucleo storico cittadino. Il nome corretto della piazza sarebbe Karlsplatz, ma i monacensi sono ormai abituati a chiamarla piazza Stachus. Questo nome fa riferimento alla storica locanda di Eustachius Foderl che oggi è stata sostituita dal grande magazzino Kaufhof. Il nome reale della piazza, invece, è un omaggio a Karl Theodor, principe elettore.

Il tour per Monaco prosegue con la visita a Odeonsplatz, considerata una delle piazza più “italiane” della città. Al centro sorge la Theatinekirche, la chiesa di corte realizzata in stile barocco. La chiesa, di origine seicentesca, era stata costruita per i padri Teatini. Nella stessa piazza c’è anche la Feldherrnhalle, una copia della Loggia dei Lanzi che si trova a Firenze. La sua costruzione è un omaggio all’esercito bavarese impegnato nella Guerra dei Trent’anni.

Un altro emblema di Monaco di Baviera è la famosissima Frauenkirche, la Cattedrale. Venne costruita sul finire del ‘400 per mano dell’architetto von Halsabach. I suoi due altissimi campanili alti 99 metri sono il simbolo di Monaco. Una volta superato il portone d’ingresso si entra nel Duomo. A questo punto l’occhio cade inevitabilmente sul pavimento dove si vede l’impronta di un piede. La leggenda narra che sia l’impronta lasciata dal piede del Diavolo. All’interno sono straordinarie le vetrate che accompagnano le tre navate. Molte di queste sono state ricostruite dopo i bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale.

Non può mancare poi una visita al palazzo reale di Monaco, il Residenz. Oggi sono visitabili ben 130 stanze tra cui la Schatzkammer, ovvero la stanza del tesoro, oltre ai giardini reali. I Wittelsbach hanno abitato in questa residenza fino alla fine della monarchia avvenuta nel 1918. La Residenz di Monaco ha subito diversi ritocchi nel corso degli anni: i più importanti risalgono alla fine del 1500 con un grande ampliamento degli spazi. La Residenz riunisce in sé differenti stili architettonici, dal neoclassico, al barocco fino al rococò.

Come non parlare di birra quando ci si trova a Monaco di Baviera? Qui c’è davvero l’imbarazzo della scelta. Per gli amanti delle tradizioni una tappa del tour cittadino deve prevedere la famosa birreria Augustiner. Si tratta della birreria più antica della città, fondata dai frati agostiniani nel 1328. Nel complesso erano presenti il convento, la fabbrica di birra e i locali di servizio. Questa antica birreria è stata gestita dai frati fino agli inizi del 1800, poi gli agostiniani sono stati mandati via da Monaco e la chiesa è stata sconsacrata.

Sempre in tema di birra è d’obbligo una tappa all’Hofbrauhaus, vale a dire quella che è stata definita la birreria più famosa del mondo. L’idea arrivò da Wittelsbach che decise di costruire una fabbrica di birra all’interno della residenza dei Gesuiti. La gestione venne affidata a Heimeran Pongraz che già si era distinto come mastro birraio in un altro convento. Il risultato fu eccezionale e la spinta alla produzione e al consumo di birra furono senza precedenti.

Infine per gli amanti dello shopping di qualità, il consiglio è quello di visitare la famosa Maximilianstrasse. Questa strada venne fortemente voluta dal Re Maximilian II alla metà del 1800. Nelle sue intenzioni avrebbe dovuto unire il Palazzo reale e l’Opera al Maximilianeum, edificio che oggi è occupato dal Parlamento regionale. Sempre lungo questa strada si trovano edifici di carattere rinascimentale di pregevole fattura. Al civico 17 c’è l’Hotel Vier Jahrezeiten dove soggiornò anche la principessa Sissi, quando ritornava nei suoi luoghi d’origine. L’ottimo tè assaggiato nella hall dell’albergo è uno dei momenti di relax più eleganti e sfiziosi che ci si possa regalare. E poi via lungo la strada dei grandi marchi commerciali. Lo shopping di lusso si può effettuare passando di boutique in boutique: da Ralph Lauren a Dolce & Gabbana, da Valentino a fendi, da Armani a Louis Vuitton, da Cartier a Dior, da Hermès a Bulgari, non manca proprio nessuno. Presenti anche i grandi marchi con le firme tedesche come Hugo Boss ed Escada. Oltre all’abbigliamento, nei ditorni, è possibile ammirare le storiche porcellane Nymphenburg, realizzare dalla manifattura reale gestita ancora oggi dalla famiglia Wittelsbach.

Volete poi chiudere con classe ed eleganza una giornata impegnativa e piena a Monaco? Allora potrete concedervi il relax e il riposo che meritate nella piscina pubblica Müllersches Volksbad, in pieno centro cittadino. Si tratta di un edificio realizzato secondo le linee del Liberty tedesco proprio di fronte al Deutsches Museum. All’interno ci sono due piscine: una vasca da 31 metri, e una da 18 metri, dalla temperatura più calda dove ci si può rilassare. Nella zona delle saune trovate il bagno turco, il bagno a vapore e la classica sauna finlandese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *